Donna maniacale per il sesso pulito

Sono il ragazzo forse più maniaco perverso e porco che sia mai nato sulla terra, ogni volta che vedo o guardo una donna, trans o mistress il mio pensiero è sempre uno, il SESSO, io vedo scopate, orge o qualsiasi situazione in maniera maliziosa, quando parlo o interagisco con una donna il mio pensiero è sempre come starebbe col mio cazzo in bocca... detto e definito il mio lato suino vi voglio raccontare la mia stolia di vita che tra parentesi mi è capitata pochi mesi fa. Avevo conosciuto tramite amici in comune una ragazza mora e alta come me , occhi verdi e con un fisico veramente molto invidiabile, tipo da modella, perfetta in ogni curva, veramente meravigliosa da qualsiasi prospettiva la guardavi, insomma un angelo senza ali... dopo esserci conosciuti e dopo aver approfondito la conoscenza abbiamo iniziato ad uscire insieme anche da soli, abbiamo trascorso serata all'insegna del divertimento ma dove in ogni momento passato con lei in mente avevo solo un sogno, scoparla!!! Ci siamo frequentati quasi per un mese prima di avere la conferma che tra noi poteva esserci del sesso, ormai ci stavo dando mucchio quando lei con un gesto semplicissimo mi aveva fatto capire che ne voleva, almeno quel giorno, eravamo a fare aperitivo in un bar e mentre facevamo un brindisi lei con il dorso della sua mano mi aveva sfiorato il pacco, sul momento non gli avevo dato peso ma qualcosa in me si chiedeva se fosse stato veramente un caso o come dice sempre un ragazzo mio amico che nulla accade per caso a quel punto avevo solo una cosa da fare, la prova del nove che solo annunciando il secondo brindisi poteva risolvere la mia curiosità, detto, fatto... il risultato? Che per la seconda volta il dorso della sua mano aveva strisciato sul mio cazzo risvegliando in me una voglia di scopare che la metà bastava. Dopo pochi minuti eravamo in piedi uno vicino all'altro con la sua mano non dalla parte del dorso ma girata di palmo che a mano piena accoglieva il mio uccello, quella sera era magica, la donna perfetta che si era fatta avanti lei e si prospettava una nottata a luci rosse che poi era risultata completamente all'opposto. Appena eravamo entrati a casa da lei non avevamo messo ancora giù le giacche che lei si stava già pulendo con l'amuchina e questo a me aveva fatto pensare, infatti poi dopo avermi dato il barattolo per disinfettarmi mi aveva chiesto di andare a fare un bidet nelle parti intime.. a quel punto avevo mangiato la foglia, l'albero e l'intera foresta, speravo solo che fosse durata il meno possible per tornare alla mia reale vita, dopo averla assecondata e dopo essermi rinfrescato nel punto precedentemente indicato con un bel sorriso a 42 denti mi ero presentato nujdo nato in salotto pronto per dargli il ben servito e a mio grande stupore avevo notato che in mano aveva un rotolo di pellicola Domopak e alla lecita domanda di che cosa ne volesse fare la risposta fu chiara.... mi aveva completamente arrotolato lasciando fuori solo il pene, ero sdraiato sul divano come racchiuso in un bozzolo modello larva con il cazzo di fuori, impossibilitato di fare qualsiasi movimento o reazione. Prima di salirmi sopra lei in maniera ossessiva compulsiva mi aveva disinfettato il cazzo con l' amuchina e dopo averlo fatto per un paio di volte mi era salita sopra a smorza e aveva iniziato a scoparmi... La chiavata più triste e indegna che avessi mai fatto, avrei goduto di più a farmi una pugnetta con un dito nel culo

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!