• Pubblicata il:
  • Autore: ALESSIO POSTA
  • Categoria: Racconti bisex
  • Pubblicata il:
  • Autore: ALESSIO POSTA
  • Categoria: Racconti bisex

BLOW JOB BOY – 4° episodio -

Lentamente, mi ha penetrato solo con la cappellona circoncisa, ma già così ho urlato.
- Aaaaah... ahiaaaa!
- Vuoi che mi fermi?
- No, sarebbe peggio... vai avanti piano... ma vai e basta!
In quel momento ha infilato una metà del suo birillo dentro le mie viscere. Il mio ano sembrava lacerarsi, ma Amir si è tirato indietro e ha spinto di nuovo fino a ¾ di cazzo, mentre io stringevo i denti e mi lamentavo per il male.
Poi ha spinto la mia testa nel cuscino e ha sollevato il culo più in alto e ha iniziato a scoparmi del tutto. In un paio di minuti il dolore si è trasformato nel più grande piacere sessuale che avessi mai provato.
Dopo meno di 5 minuti di inculata selvaggia (il ragazzo era pur sempre un ragazzo, e non era molto resistente), mi ha chiesto stupidamente se volevo ingoiare il suo sperma. Ci ho pensato e poi ho risposto stupidamente come lui, dimenticando che aveva il preservativo.
- No, ho ingoiato più sperma io di una escort di 40 anni, voglio che tu mi sborri nel culo. Riempimi con tutto quello che hai.
Pochi secondi dopo, mentre io stavo godendo come un gay alle prime armi, mi ha schiaffeggiato il culo molto forte e mi ha dato gli ultimi colpi. Mentre spingeva ha ruggito forte, ma non sentivo lo sperma che mi schizzava dentro.
A quel punto, lui si è sfilato crollando sul letto, e io sono rimasto sulle mani e sulle ginocchia, aspettando che il suo seme sgocciolasse. Alla fine, guardando il suo cazzone incappucciato, mi sono ricordato del profilattico.
- Amir, lo sai che siamo due pirla?
- Perchè?
- Tu sei un pirla perchè tu mi hai chiesto se volevo ingoiare il suo sperma, e io, altrettanto pirla, ho risposto di sborrarmi dentro dimenticando che avevi il goldone!
Ci siamo guardati negli occhi e siamo scoppiati a ridere. Gli ho tolto il Durex e mi sono scolato il suo liquido. Mi ha fissato dicendo:
- Certo che sei un tipo strano... ma dove vi siete conosciuti tu e Nabil?
Proprio in quel momento, qualcuno ha bussato alla porta chiusa a chiave.
- Hey brutti froci... che cazzo state facendo?
Abbiamo riconosciuto la voce. Era lui, Nabil... e Amir gli ha aperto.
- Buon compleanno amico! Ti è piaciuto il mio regalo?

FINE

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!